Google all’avanguardia nella prevenzione delle inondazioni: previsioni a 7 giorni in 80 Paesi del mondo

Google ha annunciato l’espansione della piattaforma Flood Hub in 80 Paesi nel mondo, fornendo previsioni sulle inondazioni con un anticipo fino a 7 giorni rispetto a un evento alluvionale. Con questa iniziativa, Google mira a utilizzare l’intelligenza artificiale per affrontare l’emergenza climatica e fornire supporto alle persone colpite dai disastri naturali.

Le inondazioni rappresentano una minaccia crescente a causa del cambiamento climatico, con un impatto devastante sulla sicurezza e sul sostentamento delle persone. Ogni anno, oltre 250 milioni di persone in tutto il mondo subiscono gli effetti delle alluvioni, che causano danni economici per circa 10 miliardi di dollari.

Con l’aggiunta di 60 nuovi Paesi, tra cui alcune aree dell’Italia, Europa, Africa, regione Asia-Pacifico e America meridionale e centrale, la piattaforma Flood Hub si estende ora ai territori con la più alta percentuale di popolazione esposta al rischio di inondazioni e a condizioni meteorologiche estreme. In totale, ben 460 milioni di persone potranno beneficiare di queste previsioni.

Attraverso Flood Hub, governi, organizzazioni umanitarie e singoli individui saranno in grado di accedere a informazioni e previsioni sulle inondazioni rilevanti a livello locale fino a 7 giorni prima dell’evento. Questo rappresenta un notevole miglioramento rispetto all’anno precedente, quando le informazioni erano disponibili solo con 48 ore di anticipo.

La tecnologia di intelligenza artificiale di Flood Hub si basa su diverse fonti di dati pubblicamente disponibili, tra cui previsioni del tempo e immagini satellitari. Combina due modelli, il modello idrologico che prevede la quantità di acqua che scorre in un fiume e il modello di inondazione che prevede quali aree saranno colpite e l’intensità dell’allagamento.

Google sta lavorando per integrare gli avvisi di previsione delle inondazioni nella Ricerca Google e Google Maps, con l’obiettivo di fornire queste informazioni agli utenti quando ne hanno più bisogno.

L’espansione di Flood Hub fa parte dell’impegno di Google a rispondere alle crisi e fornire accesso a informazioni e risorse affidabili durante momenti di emergenza, tra cui incendi e terremoti. Da oltre un decennio, Google collabora con operatori di emergenza per sviluppare tecnologie e programmi che aiutano a proteggere le persone dai pericoli.

Per supportare le comunità vulnerabili alle inondazioni che potrebbero non avere accesso a Internet o smartphone, Google.org sta collaborando con organizzazioni come la Federation of Red Cross and Red Crescent Societies, Indian Red Cross Society e il team di Inclusion Economics della Yale University. Insieme, stanno creando reti di allerta offline composte da volontari della comunità, formati e fidati, al fine di amplificare la diffusione degli avvisi di Flood Hub. Questa

iniziativa si è dimostrata efficace, poiché i risultati più recenti hanno mostrato che le comunità con volontari locali hanno avuto il 50% in più di probabilità di ricevere avvisi anticipati prima che l’acqua raggiungesse le loro zone.

Google continua a migliorare i propri modelli globali basati sull’intelligenza artificiale per le previsioni delle inondazioni e si impegna a sostenere le comunità a rischio, utilizzando la tecnologia per mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

NEWS AIopenmind su:

3D (4)6G (1)Accademia di Comunicazione (1)Acer (1)Adobe (18)Aeronautica (8)Africa (2)Agenzia Spaziale Europea (ESA) (1)Agenzia viaggi (1)AGI (Intelligenza artificiale generalizzata) (3)AGID (1)Amazon (15)Ambiente (1)Android (4)Animali (6)Animazione (3)Anziani (1)App (5)Apple (27)Archeologia (3)Architettura (3)Armi (3)Arredamento interni (1)Arte (24)Assistente vocale (2)Astronomia (2)AT&T (1)Audio (28)Autoapprendimento (1)Avatar (3)Aviazione (1)Avvocati (2)Aziende (11)Banca (3)Bard (3)Biblioteca (1)Bill Gates (1)Bing (9)Biologia (1)Birra (1)Blockchain (2)Boston Dynamics (1)Calcio (2)Canva (2)Cattolicesimo (3)Certificazioni (1)Cesintes (1)chataudio (1)Chatbot IA (34)Chip (2)Cina (49)Cinema (3)Claude (4)Clima (2)CNR (1)Coca-Cola (1)Commercio (2)Commissione Europea (1)Compagnie aeree (1)Computer quantistici (27)Computer Vision (3)Comuni italiani (1)Comunicazione (7)Comunicazioni vocali (2)Contabilità (1)Convegno (10)Copilot (5)Copyright (5)Criptovalute (1)Cybersecurity (1)Dalle-2 (2)Dark web (2)Dating (1)Deepfake (2)Design automobilistico (2)Design Industriale (1)Doppiaggio (1)Drone (1)Droni (1)Dropbox (1)E-commerce (1)Editing fotografico (2)Editoria (7)ENEA (2)Esercito (2)Etica (110)Europol (1)Eventi (4)Evento (7)Facebook (3)FakeNews (15)Falegnameria (1)Fauna selvatica (1)Film (2)Finanza (6)Finanziamenti Italia (3)Firefly (3)Formazione (7)Fotografia (70)Francia (1)Free lance (1)G7 (1)Gaming (1)Garante privacy (16)Giappone (8)Giochi (5)Giornalismo (10)Giustizia (1)Google (158)Governo (7)Grafica (2)Guerra (10)Guida autonoma (3)Hong Kong (1)IBM (6)Illustrazioni (1)iMessage (1)Immobiliare (1)India (3)Indossabili (1)Influencer (1)Informazione (6)Inghilterra (2)INPS (2)Intel (3)Istruzione (16)Jailbreaking (1)Lavoro (41)Libri (3)Linguistica computazionale (6)Linkedin (3)Maltrattamento infantile (1)Marina (1)Marketing (14)Medicina (21)Mercedes-Benz (1)Meta (34)Metaverso (15)Microsoft (99)Midjourney (10)Mobilità sostenibile (1)Moda (5)Motori di Ricerca (2)Mozilla (2)Musica (23)Nato (1)Natura (1)Natural Language Processing (2)Nazioni Unite (1)NBA (1)NFT (3)Nvidia (23)Occhiali (2)Occhiali Intelligenti (1)Occhiali Smart (1)Oculistica (1)OMS (1)ONU (1)Open Source (2)OpenAI (129)Opera (3)Opera Browser (1)Oppo (1)Oracle (1)Orologio (1)Parlamento Europeo (4)Patente di guida (1)Pensieri (1)Pianeta (1)Plugin (1)Polizia (2)Ponti (1)Presentazioni aziendali (2)Privacy (17)Programmazione (7)Prompt (5)Pubblicazione (1)Pubblicità (15)QR Code (1)Qualcomm (1)Ray-Ban (1)Realtà mista (2)Reddit (1)Relazioni internazionali (2)Relazioni Pubbliche (3)Religione (1)Report (50)Ricerca scientifica (7)Riconoscimento emotivo (1)Risorse online (100)Ristorazione (2)Robotica (27)Salute (3)Samsung (3)Sanità (15)Satelliti (2)Sceneggiatura (1)Semiconduttori (2)SEO (1)Shopping online (1)



AI open mind

Insieme per riflettere sull’intelligenza - umana e artificiale - tra studi, esperienze, democrazia e innovazione.

L’Incontro tra Microsoft e OpenAI: Il Futuro della Tecnologia e della Difesa

Nel corso dell'ultimo anno, Microsoft ha proposto l'utilizzo dello strumento di generazione d'immagini DALL-E, sviluppato da OpenAI, per assistere il Dipartimento della Difesa degli...

Mi sono imparato la scienza?

Fahrenheit.iit e il potere della narrazione. Mercoledì 13 marzo, ore 17:00 in Accademia di Comunicazione e in streaming Registrati La narrazione può essere la lama...

Iscrizione NEWSLETTER

I dati da Lei forniti non saranno comunicati ad altri soggetti terzi e non saranno trasferiti né in Stati membri dell’Unione Europea né in paesi terzi extra UE.

Visita le sezioni del sito

Link utili

Casi studio, contributi

AI governance: A research agenda, Governance of AI program, Future of Umanity Institute, University of Oxford, Dafoe A., 2017 Artificial intelligence (AI) is a po-tent...

Libri

Ricerche

Piattaforme Corsi Gratuiti

White paper, guidelines