Manifesto AI

  1. Scopo e ResponsabilitĂ : L’Intelligenza Artificiale (IA) deve essere sviluppata e utilizzata per migliorare il benessere dell’umanitĂ  nel rispetto dei principi etici fondamentali. Gli sviluppatori, i ricercatori e gli utilizzatori dell’IA hanno la responsabilitĂ  di garantire che le tecnologie intelligenti siano orientate a finalitĂ  benefiche e rispettino i diritti umani.
  2. Trasparenza: Le decisioni prese dall’IA devono essere comprensibili e trasparenti. Gli algoritmi e i modelli utilizzati devono essere aperti all’ispezione e alla verifica da parte della comunitĂ  scientifica e del pubblico. L’IA non deve essere usata per manipolare o nascondere informazioni rilevanti.
  3. Giustizia e ImparzialitĂ : L’IA deve essere sviluppata in modo da evitare discriminazioni, pregiudizi o ingiustizie. Deve essere garantito che i sistemi intelligenti non perpetuino o amplifichino le disuguaglianze esistenti, basate su caratteristiche come razza, genere, religione o orientamento sessuale.
  4. Privacy e Sicurezza: I dati personali raccolti e utilizzati dall’IA devono essere protetti in modo adeguato. Devono essere adottate misure appropriate per garantire la privacy degli individui e prevenire abusi o violazioni dei dati. L’IA deve essere progettata per essere sicura e resistente alle minacce cibernetiche.
  5. Accountability: Gli sviluppatori dell’IA devono assumersi la responsabilitĂ  delle conseguenze delle loro creazioni. Devono essere resi responsabili per eventuali danni o impatti negativi derivanti dall’uso delle tecnologie che sviluppano. I meccanismi di controllo e l’accountability devono essere integrati nelle fasi di sviluppo e implementazione dell’IA.
  6. SostenibilitĂ : L’IA deve essere sviluppata in modo sostenibile, tenendo conto degli impatti ambientali, sociali ed economici. Gli sviluppatori devono cercare soluzioni che riducano l’impatto ambientale dell’IA e che promuovano l’inclusione sociale ed economica.
  7. Collaborazione: La comunitĂ  scientifica, gli sviluppatori, le organizzazioni governative e non governative, e il pubblico devono lavorare insieme per definire le linee guida e le regole che governano l’uso e lo sviluppo dell’IA. La collaborazione è essenziale per affrontare le sfide etiche e sociali associate all’IA in modo inclusivo e democratico.
  8. Formazione ed Educazione: È necessario promuovere la formazione e l’educazione sulla IA e l’etica a tutti i livelli della societĂ . Gli individui devono essere consapevoli delle implicazioni etiche dell’IA e degli effetti che può avere sulle persone e sulla societĂ . L’alfabetizzazione digitale e l’etica dell’IA dovrebbero essere integrate nei programmi educativi.
  9. Valori umani: L’IA deve rispecchiare e promuovere i valori umani fondamentali, come la dignitĂ , l’autonomia, la giustizia e il rispetto per la diversitĂ . Deve essere sviluppata con un approccio centrato sull’essere umano, prendendo in considerazione le opinioni e i bisogni delle persone coinvolte e delle comunitĂ  interessate.
  10. Controllo umano: L’IA dovrebbe essere sviluppata in modo tale da garantire il controllo umano. Le decisioni finali devono essere prese dagli esseri umani e l’IA deve fungere da strumento di supporto, consentendo agli individui di prendere decisioni informate e responsabili.
  11. Prevenzione dei rischi: Gli sviluppatori e gli utilizzatori dell’IA devono impegnarsi nella ricerca e nella prevenzione dei rischi associati alla sua applicazione. Dovrebbero essere adottate misure per evitare scenari indesiderati, come l’utilizzo dell’IA per scopi malintenzionati o per creare armi autonome.
  12. Consapevolezza dell’impatto sociale: L’IA deve essere valutata in termini del suo impatto sociale a lungo termine. Gli sviluppatori devono considerare attentamente le conseguenze sociali delle tecnologie che creano e cercare di massimizzare i benefici per l’intera societĂ .
  13. Progresso etico: L’etica dell’IA deve essere considerata un processo in continua evoluzione. Gli sviluppatori e gli utilizzatori dell’IA devono impegnarsi nel miglioramento continuo delle pratiche etiche, attraverso la ricerca, la condivisione delle conoscenze e il dialogo aperto. Dovrebbe essere incoraggiata una cultura di responsabilitĂ  e di impegno per l’etica dell’IA.
  14. Sicurezza dei dati: L’IA deve essere sviluppata con un’enfasi sulla sicurezza dei dati. Gli sviluppatori devono adottare misure adeguate per proteggere i dati sensibili e prevenire accessi non autorizzati o violazioni della privacy. Dovrebbero essere applicate tecniche di crittografia e di sicurezza avanzate per garantire la confidenzialitĂ , l’integritĂ  e la disponibilitĂ  dei dati.
  15. Rilevamento delle minacce: Gli algoritmi e i modelli di IA devono essere progettati per rilevare e mitigare le minacce informatiche. L’IA può essere utilizzata per il rilevamento di attivitĂ  sospette, intrusioni o comportamenti dannosi, contribuendo a rafforzare la sicurezza delle reti e dei sistemi informatici.
  16. Robustezza e resistenza agli attacchi: L’IA deve essere progettata per essere robusta e resistente agli attacchi informatici. Gli sviluppatori devono considerare scenari di attacco potenziali e implementare misure di sicurezza per prevenire vulnerabilitĂ  e garantire che l’IA mantenga le sue funzionalitĂ  anche in presenza di tentativi di compromissione.
  17. Addestramento difensivo: L’IA può essere utilizzata per addestrare sistemi di difesa cibernetica avanzati. Attraverso l’apprendimento automatico e l’analisi dei dati, l’IA può contribuire a identificare e rispondere alle minacce informatiche in tempo reale, migliorando la capacitĂ  di difesa e riducendo i tempi di risposta.
  18. Condivisione delle informazioni sulla sicurezza: La comunitĂ  dell’IA deve promuovere la condivisione delle informazioni sulla sicurezza tra gli sviluppatori, gli esperti di sicurezza informatica e le organizzazioni coinvolte. La collaborazione e lo scambio di conoscenze possono contribuire a identificare e affrontare le vulnerabilitĂ  in modo tempestivo, migliorando la sicurezza globale.
  19. Consapevolezza dei rischi emergenti: Gli sviluppatori e gli utilizzatori dell’IA devono rimanere costantemente aggiornati sui rischi emergenti legati alla sicurezza informatica. Dovrebbero partecipare a programmi di formazione e adottare pratiche di sicurezza consapevoli per proteggere l’IA da minacce sempre piĂš sofisticate.
  20. Etica della sicurezza: L’IA deve essere sviluppata con una consapevolezza etica della sicurezza. Gli sviluppatori devono bilanciare l’obiettivo di migliorare la sicurezza con la necessitĂ  di rispettare la privacy, i diritti umani e i principi etici fondamentali. La sicurezza informatica non deve essere utilizzata come pretesto per violare la dignitĂ  umana o limitare la libertĂ  degli individui.
  21. Sicurezza dei computer quantistici: Con l’avanzamento dei computer quantistici, è essenziale garantire la sicurezza dei sistemi e dei dati che vengono elaborati. L’IA può essere utilizzata per sviluppare algoritmi crittografici resistenti ai computer quantistici, consentendo di proteggere le comunicazioni e i dati sensibili da potenziali attacchi.
  22. Robot sicuri e affidabili: L’IA può svolgere un ruolo fondamentale nella progettazione di robot sicuri e affidabili. Gli algoritmi di apprendimento automatico consentono ai robot di apprendere dai loro errori e migliorare le loro capacitĂ  nel tempo, riducendo il rischio di incidenti e garantendo una maggiore sicurezza nell’interazione con gli esseri umani.
  23. Gestione della sicurezza nella rete 5G: Con l’implementazione delle reti 5G, diventa cruciale garantire la sicurezza delle comunicazioni e dei dati. L’IA può essere utilizzata per il monitoraggio e la gestione della sicurezza nella rete 5G, consentendo il rilevamento precoce di attacchi, la gestione delle vulnerabilitĂ  e l’applicazione di politiche di sicurezza dinamiche per proteggere l’integritĂ  delle comunicazioni.
  24. Rilevamento delle minacce nell’Internet delle Cose (IoT): L’IA può essere impiegata per il rilevamento delle minacce e la gestione della sicurezza nell’ambito dell’Internet delle Cose. Gli algoritmi intelligenti possono analizzare i dati provenienti dai dispositivi IoT e identificare comportamenti anomali o potenzialmente dannosi, contribuendo a prevenire attacchi e a proteggere la privacy degli utenti.
  25. Sicurezza nel cloud computing: Con l’aumento dell’adozione del cloud computing, la sicurezza dei dati e delle risorse nel cloud diventa una prioritĂ . L’IA può essere utilizzata per monitorare e proteggere le infrastrutture cloud, rilevando intrusioni o violazioni della sicurezza in tempo reale e applicando misure correttive immediate.
  26. Audit e accountability: L’IA può svolgere un ruolo chiave nell’audit e nell’accountability delle tecnologie emergenti come i computer quantistici, i robot e le reti 5G. Gli algoritmi di IA possono essere utilizzati per analizzare le attivitĂ  e le decisioni prese da queste tecnologie, consentendo una maggiore trasparenza, verifica e responsabilitĂ  per eventuali impatti negativi sulla sicurezza.
  27. Formazione sulla sicurezza informatica: Con l’introduzione di nuove tecnologie come i computer quantistici, i robot e le reti 5G, diventa essenziale garantire una formazione adeguata sulla sicurezza informatica. L’IA può essere utilizzata per sviluppare strumenti di formazione interattivi e personalizzati che educano gli utenti su pratiche di sicurezza, consentendo loro di comprendere i rischi e adottare misure adeguate per proteggere se stessi e le tecnologie emergenti.
  28. Risposta agli incidenti: L’IA può svolgere un ruolo fondamentale nella risposta agli incidenti di sicurezza legati ai computer quantistici, ai robot e alle reti 5G. Gli algoritmi intelligenti possono analizzare i dati delle intrusioni e le informazioni sulle minacce, consentendo una risposta tempestiva e mirata per mitigare gli effetti degli attacchi e ripristinare la sicurezza.
  29. Protezione della privacy: Con l’uso diffuso di tecnologie come i robot e le reti 5G, la protezione della privacy diventa un aspetto cruciale. L’IA può essere utilizzata per sviluppare meccanismi di anonimizzazione dei dati, di controllo degli accessi e di gestione delle autorizzazioni, al fine di proteggere la privacy degli utenti e garantire che le informazioni personali siano utilizzate in modo responsabile.
  30. IntegritĂ  e autenticitĂ  dei dati: L’IA può essere utilizzata per garantire l’integritĂ  e l’autenticitĂ  dei dati nelle tecnologie emergenti. Gli algoritmi intelligenti possono identificare e prevenire alterazioni o manipolazioni dei dati, consentendo la verifica e l’affidabilitĂ  delle informazioni gestite dai computer quantistici, dai robot e dalle reti 5G.
  31. Test e verifica di sicurezza: L’IA può svolgere un ruolo cruciale nei processi di test e verifica di sicurezza per le tecnologie emergenti. Gli algoritmi di apprendimento automatico possono essere utilizzati per identificare potenziali vulnerabilitĂ  e punti deboli nelle implementazioni, consentendo agli sviluppatori di apportare miglioramenti e garantire una maggiore sicurezza complessiva.
  32. Standard di sicurezza: È importante sviluppare standard di sicurezza robusti e aggiornati per i computer quantistici, i robot e le reti 5G. L’IA può contribuire alla definizione di tali standard, attraverso l’analisi dei dati e l’identificazione di best practice, consentendo di stabilire linee guida e criteri per garantire la sicurezza delle tecnologie emergenti.
  33. Consapevolezza dei rischi: Gli sviluppatori, gli utilizzatori e il pubblico devono essere consapevoli dei rischi legati ai computer quantistici, ai robot e alle reti 5G. L’IA può essere utilizzata per comunicare in modo chiaro e accessibile tali rischi, educando gli individui sulla necessitĂ  di adottare misure di sicurezza adeguate e promuovendo una cultura della sicurezza informatica.

Contributi

Inviaci la tua riflessione.

MODULO DI ADESIONE
CALL FOR INTELLIGENCE

Se fai parte del mondo delle imprese, di enti o istituzioni pubbliche e private, se ti occupi di ricerca e innovazione, se sei parte di un’associazione o se sei un professionista coinvolto nelle tecnologie basate su AI, puoi entrare in campo per contribuire alla riflessione corale sull’Intelligenza Artificiale. Basta compilare il modulo di adesione indicando, nell’apposito spazio, il campo di interesse e i temi che si desidera condividere.
La proposta sarĂ  valutata dai responsabili del progetto e sarai contattato al piĂš presto dal nostro team.

I dati da Lei forniti non saranno comunicati ad altri soggetti terzi e non saranno trasferiti né in Stati membri dell’Unione Europea né in paesi terzi extra UE.



AI open mind

Insieme per riflettere sull’intelligenza - umana e artificiale - tra studi, esperienze, democrazia e innovazione.