Diritti umani e innovazione tecnologica: l’Assemblea Generale dell’ONU fa storia con una risoluzione sull’IA

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato giovedì una risoluzione storica sulla promozione di sistemi di intelligenza artificiale (IA) “sicuri, affidabili e rispettosi” che beneficeranno anche dello sviluppo sostenibile per tutti.

Approvando una bozza di risoluzione guidata dagli Stati Uniti senza votazione, l’Assemblea ha sottolineato anche il rispetto, la protezione e la promozione dei diritti umani nella progettazione, nello sviluppo, nel dispiegamento e nell’uso dell’IA.

Il testo è stato “co-sponsorizzato” o sostenuto da oltre 120 altri Stati membri.

L’Assemblea Generale ha riconosciuto anche il potenziale dei sistemi di IA nel accelerare e favorire il progresso verso il raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Rappresenta la prima volta che l’Assemblea ha adottato una risoluzione sulla regolamentazione di questo settore emergente. Il Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti avrebbe dichiarato all’inizio di questo mese che l’adozione rappresenterebbe un “passo avanti storico” per l’uso sicuro dell’IA.

Diritti uguali, online e offline

L’Assemblea ha invitato tutti gli Stati membri e gli interessati “a evitare o cessare l’uso di sistemi di intelligenza artificiale che sono impossibili da operare in conformità con il diritto internazionale dei diritti umani o che comportano rischi indebiti per il godimento dei diritti umani”.

“I diritti che le persone hanno offline devono essere protetti anche online, compreso durante tutto il ciclo di vita dei sistemi di intelligenza artificiale”, ha affermato.

L’Assemblea ha inoltre esortato tutti gli Stati, il settore privato, la società civile, le organizzazioni di ricerca e i media a sviluppare e sostenere approcci e quadri normativi e di governance relativi all’uso sicuro, affidabile e rispettoso dell’IA.

Chiudere il divario digitale

L’Assemblea ha inoltre riconosciuto i “livelli variabili” di sviluppo tecnologico tra e all’interno dei paesi e che le nazioni in via di sviluppo affrontano sfide uniche nel tenere il passo con il rapido ritmo dell’innovazione.

Ha esortato gli Stati membri e gli interessati a cooperare e sostenere i paesi in via di sviluppo affinché possano beneficiare di un accesso inclusivo ed equo, chiudere il divario digitale e aumentare la alfabetizzazione digitale.

Speranza per altri settori

Parlando prima dell’adozione, Linda Thomas-Greenfield, Ambasciatore degli Stati Uniti e Rappresentante Permanente presso l’ONU, ha presentato la bozza di risoluzione.

Ha espresso la speranza che il “dialogo inclusivo e costruttivo che ha portato a questa risoluzione possa servire da modello per futuri dibattiti sulle sfide dell’IA in altri settori, ad esempio, per quanto riguarda la pace e la sicurezza e l’uso responsabile militare dell’autonomia dell’IA”.

La signora Thomas-Greenfield ha osservato che la risoluzione è stata progettata per amplificare il lavoro già svolto dalle Nazioni Unite, tra cui l’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) e il Consiglio per i Diritti Umani.

“Intendiamo che essa completi le future iniziative dell’ONU, comprese le negoziazioni per un patto digitale globale e il lavoro del corpo consultivo di alto livello del Segretario Generale sull’intelligenza artificiale”, ha detto.

Noi governiamo l’IA

La signora Thomas-Greenfield ha inoltre sottolineato l’opportunità e la responsabilità della comunità internazionale “di governare questa tecnologia piuttosto che lasciare che essa ci governi”.

“Quindi riaffermiamo che l’IA sarà creata e utilizzata attraverso la lente dell’umanità e della dignità, della sicurezza e della libertà, dei diritti umani e delle libertà fondamentali”, ha detto.

“Impegniamoci a chiudere il divario digitale all’interno e tra le nazioni e ad utilizzare questa tecnologia per promuovere priorità condivise attorno allo sviluppo sostenibile”.

_______
General Assembly adopts landmark resolution on artificial intelligence

NEWS AIopenmind su:

3D (4)6G (1)Accademia di Comunicazione (1)Acer (1)Adobe (18)Aeronautica (8)Africa (2)Agenzia Spaziale Europea (ESA) (1)Agenzia viaggi (1)AGI (Intelligenza artificiale generalizzata) (3)AGID (1)Amazon (15)Ambiente (1)Android (4)Animali (6)Animazione (3)Anziani (1)App (5)Apple (27)Archeologia (3)Architettura (3)Armi (3)Arredamento interni (1)Arte (24)Assistente vocale (2)Astronomia (2)AT&T (1)Audio (28)Autoapprendimento (1)Avatar (3)Aviazione (1)Avvocati (2)Aziende (11)Banca (3)Bard (3)Biblioteca (1)Bill Gates (1)Bing (9)Biologia (1)Birra (1)Blockchain (2)Boston Dynamics (1)Calcio (2)Canva (2)Cattolicesimo (3)Certificazioni (1)Cesintes (1)chataudio (1)Chatbot IA (34)Chip (2)Cina (49)Cinema (3)Claude (4)Clima (2)CNR (1)Coca-Cola (1)Commercio (2)Commissione Europea (1)Compagnie aeree (1)Computer quantistici (27)Computer Vision (3)Comuni italiani (1)Comunicazione (7)Comunicazioni vocali (2)Contabilità (1)Convegno (10)Copilot (5)Copyright (5)Criptovalute (1)Cybersecurity (1)Dalle-2 (2)Dark web (2)Dating (1)Deepfake (2)Design automobilistico (2)Design Industriale (1)Doppiaggio (1)Drone (1)Droni (1)Dropbox (1)E-commerce (1)Editing fotografico (2)Editoria (7)ENEA (2)Esercito (2)Etica (110)Europol (1)Eventi (4)Evento (7)Facebook (3)FakeNews (15)Falegnameria (1)Fauna selvatica (1)Film (2)Finanza (6)Finanziamenti Italia (3)Firefly (3)Formazione (7)Fotografia (70)Francia (1)Free lance (1)G7 (1)Gaming (1)Garante privacy (16)Giappone (8)Giochi (5)Giornalismo (10)Giustizia (1)Google (158)Governo (7)Grafica (2)Guerra (10)Guida autonoma (3)Hong Kong (1)IBM (6)Illustrazioni (1)iMessage (1)Immobiliare (1)India (3)Indossabili (1)Influencer (1)Informazione (6)Inghilterra (2)INPS (2)Intel (3)Istruzione (16)Jailbreaking (1)Lavoro (41)Libri (3)Linguistica computazionale (6)Linkedin (3)Maltrattamento infantile (1)Marina (1)Marketing (14)Medicina (21)Mercedes-Benz (1)Meta (34)Metaverso (15)Microsoft (99)Midjourney (10)Mobilità sostenibile (1)Moda (5)Motori di Ricerca (2)Mozilla (2)Musica (23)Nato (1)Natura (1)Natural Language Processing (2)Nazioni Unite (1)NBA (1)NFT (3)Nvidia (23)Occhiali (2)Occhiali Intelligenti (1)Occhiali Smart (1)Oculistica (1)OMS (1)ONU (1)Open Source (2)OpenAI (129)Opera (3)Opera Browser (1)Oppo (1)Oracle (1)Orologio (1)Parlamento Europeo (4)Patente di guida (1)Pensieri (1)Pianeta (1)Plugin (1)Polizia (2)Ponti (1)Presentazioni aziendali (2)Privacy (17)Programmazione (7)Prompt (5)Pubblicazione (1)Pubblicità (15)QR Code (1)Qualcomm (1)Ray-Ban (1)Realtà mista (2)Reddit (1)Relazioni internazionali (2)Relazioni Pubbliche (3)Religione (1)Report (50)Ricerca scientifica (7)Riconoscimento emotivo (1)Risorse online (100)Ristorazione (2)Robotica (27)Salute (3)Samsung (3)Sanità (15)Satelliti (2)Sceneggiatura (1)Semiconduttori (2)SEO (1)Shopping online (1)



AI open mind

Insieme per riflettere sull’intelligenza - umana e artificiale - tra studi, esperienze, democrazia e innovazione.

L’Incontro tra Microsoft e OpenAI: Il Futuro della Tecnologia e della Difesa

Nel corso dell'ultimo anno, Microsoft ha proposto l'utilizzo dello strumento di generazione d'immagini DALL-E, sviluppato da OpenAI, per assistere il Dipartimento della Difesa degli...

Mi sono imparato la scienza?

Fahrenheit.iit e il potere della narrazione. Mercoledì 13 marzo, ore 17:00 in Accademia di Comunicazione e in streaming Registrati La narrazione può essere la lama...

Iscrizione NEWSLETTER

I dati da Lei forniti non saranno comunicati ad altri soggetti terzi e non saranno trasferiti né in Stati membri dell’Unione Europea né in paesi terzi extra UE.

Visita le sezioni del sito

Link utili

Casi studio, contributi

AI governance: A research agenda, Governance of AI program, Future of Umanity Institute, University of Oxford, Dafoe A., 2017 Artificial intelligence (AI) is a po-tent...

Libri

Ricerche

Piattaforme Corsi Gratuiti

White paper, guidelines