AiDA: il nuovo assistente di progettazione AI di moda che ispira in pochi secondi

L’industria della moda sta adottando un sistema di software di intelligenza artificiale sviluppato a Hong Kong che utilizza gli stili e le preferenze individuali dei designer per generare immagini di nuovi abiti in pochi secondi. La veteran dell’industria Vivienne Tam, che ha abbracciato la tecnologia nella sua progettazione di moda, ha accolto con favore l’IA come uno strumento per ispirare i designer senza compromettere l’originalitĂ , la creativitĂ  o il gusto personale. “Puoi trattarlo come un gioco e penso che sia divertente”, ha dichiarato Tam al South China Morning Post. “Fornisce ai designer piĂą possibilitĂ  e riferimenti per l’ispirazione.” Questo è esattamente ciò che sperava il Professor Calvin Wong Wai-keung quando la sua squadra di specialisti di tecnologia dell’informazione, ingegneria e moda e accademici ha sviluppato AiDA, abbreviazione di AI-based Interactive Design Assistant for Fashion. Il software consente a un designer di caricare la mood board per una collezione futura, fornendo un riepilogo di schizzi ispiratori, temi, tessuti e rifiniture, modelli e gamma di colori preferiti. In soli 10 secondi, l’algoritmo di AiDA utilizza questi input per generare progetti per otto outfit che il designer può modificare in qualsiasi modo, ha detto Wong. Ha sottolineato che l’IA non è destinata a sostituire i designer umani, ma a stimolare l’ispirazione, fornire nuove idee e velocizzare i processi tradizionali.

Solitamente ci vogliono settimane perchĂ© i designer passino dalla creazione di una mood board alla finalizzazione dei loro progetti con immagini computerizzate. Per i brand, ci possono anche essere necessari due o tre mesi per le modifiche e l’approvazione del direttore creativo, ha detto. AiDLab è uno dei 28 centri di ricerca o laboratori creati con l’aiuto dell’iniziativa InnoHK Research Clusters del governo di Hong Kong per sviluppare la cittĂ  come un hub per la collaborazione di ricerca globale. La designer Tam, 65 anni, che era basata a New York prima di tornare a Hong Kong durante la pandemia di Covid-19, è stata entusiasta di riconoscere il ruolo della tecnologia nella moda. La sua recente collaborazione con il cantante e attore Cantopop Leon Lai Ming al concerto di moda di novembre scorso ha presentato la sua collezione primavera-estate 2023 ispirata a Web3, Metaverse, passato, presente e futuro. Ha detto che mentre era emozionante che l’IA potesse aiutare i designer, gli esseri umani rimanevano al comando. I designer non devono seguire ciò che genera l’IA, ma possono guardarlo e usarlo come riferimento. La progettazione è molto personale e i designer hanno l’ultima parola, ha detto. La tecnologia consente ai designer di vestire quanti avatar vogliono, ma la portabilitĂ  e la praticitĂ  contano quando si trasformano le idee online per l’uso da parte delle persone nel mondo reale. Una collezione coinvolge lo stile personale del designer, la personalitĂ  e se gli abiti si adattano alla forma e al tono della pelle dei modelli, oltre a avere un valore commerciale. Ci sono molte cose da considerare, ha detto.

L’ultimo mese, sei designer internazionali e Hong Kong e otto giovani talenti selezionati tra 200 candidati hanno presentato piĂą di 80 outfit creati con l’aiuto di AiDA. Il marchio di lusso italiano Anteprima ha utilizzato il sistema per creare la sua ultima collezione che è stata mostrata virtualmente all’evento, tenutosi al museo M+. Il designer Hong Kongese Mountain Yam, 39 anni, che ha mostrato una collezione di otto pezzi all’evento, si descrive come un designer tradizionale che ama disegnare a mano e poi lavorare su immagini computerizzate. Ha detto che usare l’IA gli ha fatto risparmiare tempo e gli ha dato ispirazione. PiĂą lo uso, piĂą impara il mio gusto estetico e la mia tecnica, ha detto. Questo sistema di intelligenza artificiale rappresenta un’importante innovazione per l’industria della moda, consentendo ai designer di risparmiare tempo e di trovare nuove ispirazioni mentre mantengono il loro stile e preferenze personali.

_______
Fonte: Flash fashion: Hong Kong artificial intelligence software gives designers fresh ideas in just 10 seconds
Foto: Foto di George da Pixabay 




AI open mind

Insieme per riflettere sull’intelligenza - umana e artificiale - tra studi, esperienze, democrazia e innovazione.